Coaching Diario Vacanze

Di limiti e di come superarli

Quando ero in montagna la scorsa settimana ho anche avuto modo di pensare e riflettere sui miei limiti e su come superarli. E parli di limiti fisici ma anche mentali. Ed è successo tutto in meno di un minuto. Che provo a raccontarvi.

Quando è iniziata la sfida

Stavo salendo verso il rifugio Piani del Cristo, nel comune di Sappada. Salivo per una strada asfaltata larga il giusto per far passare un’auto e una sedia a rotelle. Se due auto si incrociano una torna indietro oppure, se è furba, si ferma dove trova un po’ di spazio e fa passare l’altra. Mi domanda da sempre chi decide chi deve fermarsi e chi deve passare per primo. In ogni caso, non c’erano macchine, per fortuna e io salivo, triride ben carico e sedia a rotelle. Dovete sapere che il Triride in salita a volte fatica e slitta perché il peso è tutto indietro (il mio poi in modo particolare perché me ne sto ben comoda). E lì mi è venuta in mente la frase di Gianni Conte, quando mi ha consegnato questo Triride: ‘nelle salite meglio andare a marcia indietro’. Giusto. Marcia indietro. Cosa che per me era una novità perché sul modello precedente non l’avevo. Quindi decidi di mettermi a salire a marcia indietro. Nulla di difficile. Basta girarsi, mettersi a guardare a valle e schiacciare la retro marcia. Decido di fare questa manovra di cambio direzione. E lo decido in uno dei punti più ripidi di quella strada, tra due curve (ecco perché ho detto che per fortuna non c’erano macchine).

La manovra con il Triride per fare inversione

Imposto il movimento, lascio andare il freno, la sedia va indietro, giro il ruotino del Triride verso destra così che la sedia si portasse a sinistra. Cosa che succede. E anche nel modo corretto. Tengo sempre il freno un po’ tirato per evitare di scendere a sbattere nella curva. In realtà è una manovra che faccio spessissimo. Inversione di marcia. Ogni volta che devo tornare indietro e non ho spazio avanti per fare una curva uso questo sistema. Come tutti del resto. Avevo solo dimenticato una variabile: la pendenza e la contropendenza. E mi sono ritrovata con il ruotino parallelo alla pendenza e la sedia in orizzontale sulla contropendenza. Un bellissimo mix che si è rivelato micidiale quando ho pensato che era giunto il momento di schiacciare il pulsante della retro per spingere in su la sedia.

Il limite è la sfida

È stata questione di un paio di secondi. Appena ho toccato il tasto ho sentito la sedia che tentava di girarsi e poi ha iniziato a inclinarsi verso valle. Ho subito (credo) lasciato il manubrio e ho messo le mani verso valle. Perché era lì che ho visto sarei finita con la faccia a terra. E poi ho visto l’asfalto talmente fa vicino che invece delle caprette avevo le formiche che mi facevano ciao e riuscivo anche a contare i denti del sorriso. Credo che qualcuna mi abbia anche dato dell’idiota. E se non l’hanno fatto loro l’ho fatto io.

Ripartire, rialzarsi

Ero a terra. Le mani bruciavano in modo assurdo, quel bruciore che non sentivo da quando andavo in bici e cade di mi sbucciavo le ginocchia. Sanguinavano anche. Il braccio destro, quello che avevo teso per primo e che era rimasto teso dritto senza piegarsi, faceva un male tremendo tanto che pensavo di essermi rotta il polso o il gomito. O tutte e due. Mi sono girata a pancia in su, in mezzo alla strada e da un lato speravo arrivasse una macchina così poteva aiutarmi e poteva portarmi fino al rifugio, dall’altro speravo arrivasse da valle che almeno saliva piano, perché se scendeva da monte mi avrebbe vista solo all’ultimo. Di fatto c’era solo il mio accompagnatore che prima di aiutare me ha raccolto i cellulari. Mi sono rimessa in sedia, ho controllato di non aver davvero nulla di rotto (mi sembrava un miracolo) e ho preso a salire in retro. Dopo 20 minuti ero al rifugio.

Se avessi voluto avrei potuto chiamare un soccorso, un medico, in fondo ero sempre una disabile, con una vertebra sostituita e il rischio di un trauma cranico. Invece no. Il mio limite era la paura di non potercela fare. E il dubbio l’ho avuto mentre facevo la manovra. L’unico modo per dimostrarmi che potevo farlo era continuare a salire e poi, arrivata al rifugio, riscendere in sedia, con il Triride, con le mie mani fasciate.

I limiti, nel mio caso e solo per me, sono fatti per essere superati. Non sarei in grado di pensarmi diversamente. E quando in questi giorni qualcuno mi dice che il Triride è pericoloso e che sono pazza, mi ripeto la frase che mi ha detto un tecnico la scorsa settimana ‘queste sono cose che succedono a chi sa usare bene il Triride, agli altri non capitano’. E un po’ sorrido.

Mi fa ancora un po’ male il braccio e forse oggi o domani farò un controllo. Ma nei giorni successivi alla caduta ho continuato a salire e fatto anche delle belle fatiche. Ma ho visto panorami che altrimenti non avrei visto.

55 commenti

  1. Devo dirti che quando leggevo, ho avuto un po’ di panico e paura, anche se ti confesso non ho capito benissimo alcune dinamiche tecniche, ma ho rivissuto la scena, di te che salivi al contrario e poi la caduta.
    La cosa importante e che non ti sei fatta niente di grave!
    La tua voglia di superare i limiti ti fa onore, e dovrebbe essere di esempio e sprono verso chi si abbatte subito e si ferma!!!
    Ciao a presto! ;-D

    Mi piace

  2. Sofia, brava, mai arrendersi davanti ad un imprevisto. Non so se può esserti di aiuto, ma come ti ho detto in un messaggio alcuni gg fa, in salita è facile cadere anche in bici. La tecnica che uso io, x evitare di sbilanciarmi indietro quando procedo con 20kg di borsoni sul retro, è procedere a zig zag.

    Mi piace

  3. Lo sai che una delle prime cose che insegnano ai motociclisti che corrono in pista è cadere cercando di farsi meno male possibile?
    Cadere fa parta vita. L’importante è non farsi troppo male e imparare da quello che è successo per non ripetere gli stessi errori. io non so se hai fatto degli errori che ti hanno portato a cadere o se era inevitabile in quella situazione. Ma credo che tu l’abbia affrontato con lo spirito giusto: con sangue fretto e coraggio.

    Mi piace

  4. Sofia il tuo blog mi da sempre una carica positiva. Io passo sempre tra momenti in cui scalerei una montagna e altri che non vorrei muovere un sassolino! I tuoi racconti e la tua forza interiore che traspare anche da come superi i tuoi limiti e le tue paure mi infonde un po’ più di coraggio nella vita!

    Mi piace

  5. Non posso che farti i complimenti per il sangue freddo che hai avuto. I complimenti te li faccio anche per come sei riuscita a raccontare questo evento, mi hai fatto provare le stesse emozioni che hai provato tu mentre scorrevo tra le parole. Non è da tutti!

    Mi piace

  6. La paura a volte fa scappare la rabbia, in questo caso invece, ha lasciato spazio al coraggio e alla forza. Forse tu le dai per scontate queste cose, ma io che ti leggo no. Anzi, e posso solo leggere, ascoltare e imparare. Grazie

    Mi piace

  7. Un racconto emozionante descritto con semplicitá, come se faccesse parte di un episodio comune nella tua vita di tutti giorni. Complimenti per il coraggio e per la determinazione, ti ammiro tanto

    Mi piace

  8. Grande Sofia! Ti ammiro per lo spirito con cui affronti le difficoltà e sono convinta che è così che va affrontata la vita. Sai però cos’ho pensato quando ho letto di salire in retromarcia? mamma mia che nausea! 🙂

    Mi piace

  9. Da quando seguo il tuo blog ho scoperto il coraggio e soprattutto la positività con cui affronti anche i momenti anche più complicati come questo. Ma sopratutto ho capito che i limiti sono più che altro nella nostra testa e tu sei un esempio di come, volendo, si può fare tutto.

    Mi piace

  10. È proprio vero che i maestri possono essere persone che incrociamo sul nostro cammino e tu lo sei! Ci hai dimostrato, con il tuo esempio, che i limiti veri sono nella nostra testa e che le paure possono essere superate con coraggio e una dose d’ironia. Grazie per questa tua condivisione!

    Mi piace

  11. Quello che scrivi è ricco: c’è quando ho malauguratamente riso per la tua caduta, e al contempo ammirato per la forza che hai avuto a rialzarti!
    Sei una grande… anche tombolona mi sa, ma daje!

    Mi piace

  12. Hai vissuto un’esperienza spiacevole ed anche alquanto pericolosa ma la tua tenacia e la tua forza d’animo è davvero da ammirare… sei un portentoooo

    Mi piace

    1. Sul pericolosa al momento non ho pensato. Il mio primo pensiero è stato che Andrea Chandra era 300 metri avanti a noi e non poteva vedere cosa era successo. E non potevo avvisarla. Potevo solo rimettermi in sedia e raggiungerla

      Mi piace

  13. Sei una persona estremamente positiva è da ammirare. Questo tuo racconto è da brividi. Ma la tua capacità di andare avanti è un esempio positivo per tutti. Devo dire che ti ammiro veramente tanto!

    Mi piace

  14. più ti leggo e più rimango meravigliata dalla tua determinazione, dal tuo spirito sempre positivo e da quella voglia di vedere qualcosa di buono sempre e comunque. grazie sei un esempio per tutti noi!

    Mi piace

  15. Spesso i limiti sono anche dati dalle barriere che ci metto davanti, architettoniche e culturali. Al di là della tua vita super avventurosa, in cui sedia a rotelle o no, sei sempre su sentieri impervi, rialzarsi e riuscire a riprendere il cammino con resilienza, senza avere paura, è una sfida quotidiana. By the way… io credo comunque molto anche nella paura.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...