Musei Vacanze Viaggiare

Weekend di primavera – Montepulciano accessibile tra musei e storia

Si pensa che i borghi medievali non siano accessibili. In realtà, forse, non lo sono del tutto e, forse non tutti. Ma alcuni sì. In un weekend di primavera, in una domenica pomeriggio, io e Andrea Chandra siamo andate alla ricerca della Montepulciano accessibile e abbiamo scoperto anche bellissimi musei, accessibili, e angoli meravigliosi.

Intanto sappiate che ci sono parcheggi riservati ai disabili anche dentro le mura. Troverete i cartelli per chiamare il servizio dei vigili urbani e comunicare il passaggio in ZTL ad ogni varco. Ma ve lo lascio anche qui 800 669 945. Così potete avvisare prima di andare.

Noi abbiamo parcheggiato subito dentro le mura, vicino al Museo delle Torture. Museo che, logicamente per passione per i musei e per curiosità di Andrea Chandra, abbiamo subito voluto vedere. L’ingresso è a livello della strada, senza gradino. Io non ho pagato, il mio accompagnatore e Andrea Chandra (8 anni) hanno pagato ridotto. È piccolino e raccoglie un po’ di strumenti utilizzati nell’antichità e nel periodo dell’inquisizione. Andrea era incantata, del resto era per lei la prima volta che vedeva certi attrezzi. Era curiosa, come sempre, ma non era un museo interattivo e si è annoiata quasi subito. Per fortuna non è grande e io giro dura poco se non ti fermi a leggere ogni cartello.

Poi siamo uscite e andate alla ricerca di qualcosa di fresco da bere. Erano le 3 del pomeriggio e mi ha anche sfiorato l’idea di bere un bicchiere di buon vino vista la location, ma abbiamo optato per un the al limone sedute in un locale sulla piazza.

Poi siamo tornate indietro, verso la porta da cui siamo entrate e siamo andate a vedere la fortezza, all’interno della quale abbiamo trovato la mostra di Leonardo Da Vinci. Qui Andrea Chandra si è divertita tantissimo. C’è tutta una sezione dedicata alla riproduzione delle macchine e lei si è divertita un mondo a provarle tutte. Ho fatto fatica a portarla via. Sarebbe rimasta lì a provare e riprovare tutto, più e più volte. Si anche un po’ arrabbiata. Unica nota di accessibilità negativa: per entrare nel museo c’un gradino di pochi centimetri. Io sono riuscita a farlo anche grazie al Triride con cui viaggio sempre.

Dopo la visita abbiamo percorso un po’ di stradine, in discesa, verso una delle zone panoramiche. Montepulciano regala angoli stupendi e ci saremmo fermate ovunque a fare foto. Ma lascio a voi scoprirlo da soli. Noi ci siamo ripromesse di tornarci a pranzo. Per provare il vino. Io. Ma anche un po’ Andrea Chandra.

19 commenti

  1. Oh ma che bel blog non lo conoscevo, è davvero una meravigliosa scoperta! Nel mio blog parlo di viaggi in famiglia e quindi mi ritrovo con te per quanto riguarda l’aspetto viaggi con bambini mentre mio padre, indovina un po’? Ha la sclerosi multipla: ha la “fortuna”di poter camminare, in alcune giornate l’equilibrio non va bene e fatica ma comunque ce la fa. Ecco perché mi è piaciuto molto leggere il tuo approccio! E per quanto riguarda Montepulciano concordo che è davvero carina…anche i miei figlia avrebbero adorato la mostra di Leonardo Da Vinci 🙂

    Mi piace

  2. Te l’ho detto Sofia: la prossima volta devi venirmi a trovare al Ristorante degli Archi ^_^ I miei genitori vivono e lavorano a Montepulciano e io torno ogni volta che posso. Non sapevo che il paese fosse così accessibile e mi fa molto piacere leggere le tue parole di apprezzamento. Sai che io ho fatto il liceo in quella fortezza? Una meraviglia, eh? Successivamente, per motivi di sicurezza, hanno dovuto spostare la scuola in un edificio più moderno. Comunque un bel bicchiere di vino te lo saresti dovuta concedere 😉

    Mi piace

  3. Ieri ho visto le foto di Montepulciano su insta e oggi ho letto il post, super bello! Io di recente sono stata nel museo delle torture di Napoli e sono uscita tutta imparanoiata ahahhaha

    Mi piace

  4. Siamo stati a Montepulciano un paio di volte e abbiamo subito notato che fosse accessibile!! Ci ha piacevolmente sorpreso avendo un cugino in sedia a rotelle e abitando in Liguria, che dal punto di vista delle barriere architettoniche ha mooooolto da imparare!!

    Mi piace

  5. Montepulciano è davvero bellissimo … così come tutta la Toscana. Trasmette pace e serenità! Anche noi andiamo spesso in primavera … mi segno il nome di qualche posto che hai citato, che non abbiamo ancora visto per la prossima volta 🙂

    Mi piace

  6. Non siamo mai stati a Montepulciano ma è uno di quei paesi che, come tutta la Toscana, sono in lista da tempo. Si respira tanta tranquillità anche se sono convinta che in alta stagione i turisti la invadano (letteralmente). Il museo delle torture mi fa sempre un po’ senso ma sono sicura che mi piacerebbe!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...