Diritti Viaggiare

I viaggi in bus low-cost sono inaccessibili. FlixBus e Baltour non sono attrezzati per disabili

Mi dicono sia facile viaggiare quando hai la macchina. Vero. Quindi ho deciso che avrei fatto ROMA – MILANO in bus, uno di quei bus low-cost. Avevo due scelte FlixBus e Baltour. Ho consultato i loro siti web, trovato le tratte, le tariffe, economiche da paura, e poi…E poi ho alzato il telefono e chiamato. FlixBus ha una sezione sul sito web che dice di chiamare per esigenze speciali o se sei un cliente con disabilità. Dice che

Garantire la possibilità di viaggiare, di scoprire nuovi luoghi e prendere parte ad eventi senza incontrare difficoltà è un diritto di tutti. Di questo ne siamo convinti ed è per questo che ci impegniamo ogni giorno per migliorare i nostri servizi e garantire il trasporto anche alle persone disabili e con mobilità ridotta.

E continua dicendo che sei hai disabilità permanente il tuo accompagnatore viaggia gratis. La premessa è che la tua sedia si possa piegare e mettere nel vano portabagagli. Nessun problema quindi per me. Non posso salire da sola sul bus ma se prevedono questo caso avranno una pedana che ti fa salire, ti siedi nel sedile normale e poi la sedia va sotto. Il mio caso.

Quindi chiamo.

La telefonata surreale con il call center FlixBus

‘Salve chiamo perché volevo prenotare la tratta ROMA-MILANO. Però sono disabile e volevo sapere come fare per il biglietto accompagnatore.’

(Per chi avesse dei dubbi sul seguito ho la telefonata registrata così come è registrata anche dal call center di FlixBus)

– Salve. Se lei ha diritto all’accompagnatore pagate solo un biglietto.

‘Bene. La mia sedia a rotelle è pieghevole quindi una volta a bordo la posso far mettere nel bagagliaio come nelle vostre specifiche sul sito.’

– Benissimo. Procedo con la prenotazione?

‘Scusi, solo per scrupolo. Avete la pensa giusto per farmi salire sul bus?’

– Pedana?

‘Si. Le ho detto che sono in sedia a rotelle. Non posso fare gli scalini del bus…’

– No. I nostri bus hanno le porte troppo strette per farla salire con la sedia…

‘Ah. Scusi. Quindi io come salgo sul bus?’

– Ha detto di avere l’accompagnatore…

‘Si che mi aiuta negli spostamenti. Ma per salire sul bus?’

– Aspetti che chiedo…

Resto in attesa di circa 8 minuti e poi cade la linea.

Non volevo pensare male (non sanno cosa rispondermi e quindi riattaccano) richiamo.

‘Salve. Stavo cercando di prenotare una tratta Roma- Milano ma deve essere caduta la linea’

Ripeto tutto, della sedia, dell’accompagnatore, della pedana per salire.

– Devo chiedere.

Eh va beh. Chiediamo.

– No signora. I nostri bus non hanno la pedana. Se deve salire deve salire da sola. I nostri autisti la possono aiutare.

‘Cosa intende per aiutare? L’unico modo sarebbe prendermi in braccio…’

– Ha detto di avere l’accompagnatore. Lui e l’autista la aiutano a mettersi nel sedile…

Cioè il mio accompagnatore e l’autista mi prendono in braccio e mi caricano sul bus attraverso una porta che è larga come uno sgabuzzino e non ci si passa in due (fosse più larga ci starebbe la pedana).’

– Si. Può essere una soluzione.

‘No guardi. Lasci perdere. È pericoloso e umiliante. Vado in treno.’

E qui finisce la telefonata con FlixBus e il sogno di fare un viaggio in bus.

Perché anche Baltour risponde nello stesso modo. L’unica possibilità è farsi prendere in braccio per salire e scendere.

Siamo nel 2018. FlixBus utilizza bus nuovi. Li vedo in autostrada. Baltour ha bus granturismo. E nessuna delle due compagnie ritiene necessario avere dei bus attrezzati per una sedia a rotelle. Non dico tutta la flotta (sarebbe troppo bello) ma almeno un paio di bus da usare sulla tratta in caso di prenotazione da parte di un disabile.

È inutile che scrivete nei vostri siti che viaggiare è un diritto per tutti se poi questo diritto non è rispettato. E non raccontante che essere presi in braccio è la soluzione.

Anche prenderci a calci in culo vi fa fare tanta strada in avanti ma non credo sia la cosa migliore in termini di autostima. O sbaglio?

38 commenti

  1. sai che non ci avevo mai pensato? prendo spesso flixbus ma non aveto fatto caso a questo non piccolo dettaglio! hai fatto bene a farci aprire gli occhi! 🙂

    Mi piace

  2. Ma daiii, vuoi dire che scrivono tutto quel po po di roba, e poi non hanno pensato a come far salire un disabile? Assurdo. Per fortuna che non ti hanno rovinato del tutto il viaggio, santi treni a questo punto!

    Mi piace

  3. I tuoi post sono veramente interessanti perché a volte non ci si accorge per niente di queste cose. Basta che noi possiamo salire e accomodarci e a chi potrebbe avere difficoltà non ci pensiamo mai. Speriamo che il tuo lavoro serva a smuovere chi di dovere!

    Mi piace

  4. Veramente senza senso. Fossero autobus vecchi potrei anche capire ma sono tutti nuovi! E poi che senso ha che scrivano sul sito che sono attrezzati se non lo sono? Non scriverlo nemmeno, fai più bella figura…

    Mi piace

  5. Li ho sempre visti transitare ma non ho mai usufruito del loro servizio. Rimango stupita dal tuo racconto e mi auguro che loro, come altre compagnie, trovino soluzioni a questo aspetto che siano valide per permettere a tutti di poter viaggiare.

    Mi piace

  6. Ciao, ti volevo segnalare che a seguito di un’esperienza molto simile, descritta in questo video (https://www.facebook.com/max.ulivieri/videos/10156009953505739/) l’associazione Luca Coscioni ha avviato un ricorso per discriminazione ex l. 67/2006 contro Flixbus. Se vuoi collaborare con la tua testimonianza, contatta l’associazione chiedendo dell’avvocato Alessandro Gerardi, oppure scrivimi su FB in privato e ti darò i contatti.

    Mi piace

  7. Questa è una vera presa per i fondelli, non accettabile, tanto più che, come da te sottolineato, stiamo parlando di mezzi nuovi! Ho preso Flixbus una sola volta e, anche se non sono disabile, mi è bastato per decidere di non ripetere l’esperienza!

    Mi piace

  8. Io viaggio spesso con i bus low-cost, essendo decisamente più abbordabili dei treni per ciò che riguarda i prezzi su tratte lunghe e medio-lunghe. Effettivamente gli ingressi sono mignon, roba che spesso anche qualche passeggero in evidente sovrappeso fa fatica a passare agevolmente, soprattutto se ha zaino o robe simili in spalla… speriamo che post del genere li spingano ad un ammodernamento degli autobus rendendoli accessibili davvero a tutti! Tu non mollare! Un abbraccio!

    Mi piace

  9. Che indecenza e che schifo veramente! Pubblicizzare qualcosa un pò per farsi grandi ma poi rendersi ridicoli.. un grande esercizio che ho fatto nella mia esperienza teatrale è di immedesimarsi nel personaggio, ovvero questa gente dovrebbe vivere come te per almeno una settinana per capire cosa si prova e come si vive..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...